Google+ Followers

sabato 30 giugno 2012

il caso Federico Aldrovandi non è un eccezione ma una tradizzione


"il primo marito picchiava mia madre ed ebbe una denuncia per abbandono del
tetto coniugale, quindi non potevo sperare neanche con i canoni di allora
di entrare in polizia , mia madre ((Leopolda Zanchi)che lavorando al pampam si mise da parte
dei soldi che le consentirono di prendere in gestione la ''Pensione
Brescia'' poi purtroppo si mise con un poliziotto avevo 10 anni quando il
mio patrigno del quale porto il nome dopo pochi anni si rivelò per essere
un po manesco lui ex celerino e ed ex eroe dell'anticrimine a milano tirava
pugni e schiaffi tremendi a me che dopo qualche anno iniziai ad usare il
malox e cose simili per i  bruciori di stomaco, dopo anni scoprì di avere
l'ernia iattale,
con i soldi di mia madre (da brava risparmiatrice toscana)si è sistemato i fratelli e le sorelle che
comunque hanno dimostrato una incapacità imprenditoriale (ottici).
insomma prima entravi in polizia ma dovevi essere portatore di certi valori
cattolici ed essere il loro braccio secolare, adesso se le cose sono
cambiate non  bisogna lasciargli degli spazzi disponibili, finché cadiamo
nella pseudo lottizzazione intellettuale le cose non cambieranno, e finché
si comprano costosi aerei militari , invece di assoldare schiere di
psicologhi che gestiscono questi soggetti in cerca di facile paga e
divertimento e che magari buttano fango su  un qualcosa che dovrebbe
appartenere hai cittadini ,la polizia appunto e intanto mi chiedo il perché
uno come Manganelli debba costare così tanto alla società e poi piangono
miseria per le fotocopie, per la benzina ecc. e di adesso la sentenza di un
tribunale tedesco che ha detto la circoncisione è contro la legge, il
manganello sano c'è lo chiede l'Europa? ora ho 50 anni e penso che la
sentenza è ridicola,in pratica dobbiamo scusarli perché sono ignoranti, a
quando i polizzotti tecnici?"
Posta un commento

Carlo Marino Buttazzo

Carlo Marino Buttazzo

Archivio blog