Google+ Followers

lunedì 11 agosto 2014

Premesso che andrebbe fatto, a bombardare l’esercito dell’ISIS ci vada chi vuole che ci sia rigore nei conti pubblici in Italia

Premesso che andrebbe fatto, a bombardare l’esercito dell’ISIS ci vada chi vuole che ci sia rigore nei conti pubblici in Italia.
Una bomba costa tanto oro quanto pesa e non ci vengano a raccontare la panzana che dopo non riforniranno le scorte della difesa perché un’altra crisi alle porte di casa non si farà attendere e quindi ci saranno altre spese.
Meglio sarebbe se quei soldi, come altri denari spesi per mega inutili opere che arricchiscono pochi,  vengano spesi per lo sviluppo dell’economia e risolvere la disoccupazione.
La prova che le bombe lanciate pesano molto sui conti pubblici la dato lo spread in crescita e la borsa in caduta di questi giorni.
Adesso escono le colombe di Bruxelles che dicono che i le nostre riforme vanno bene mentre i falchi (Jyrki Katainen) che solitamente ci fustigano sui conti pubblici che andrebbero tagliati tacciono il ché dimostra che spesso e la convenienza del momento, la convenienza del barbone che vive alla giornata che muove personaggi come un certo falco finlandese che di falco ha tutto tranne la vista lunga

Posta un commento

Carlo Marino Buttazzo

Carlo Marino Buttazzo

Archivio blog